Home > Puntata minima a poker

Puntata minima a poker

Puntata minima a poker

Comincia un altro giro di puntate, a partire dal primo giocatore attivo alla sinistra del dealer. Le opzioni disponibili sono simili a quelle pre-flop. Tuttavia, se nessuno ha puntato in precedenza, i giocatori possono scegliere di checkare, passando l'azione al giocatore attivo successivo in senso orario. Quando è completo il giro di puntate al Turn, un'altra carta viene distribuita scoperta sul tavolo il 'River' o 'Fifth Street'. Il River è la quinta carta comune e finale in un gioco Hold'em. Le puntate ricominciano dal primo giocatore attivo alla sinistra del dealer e si applicano le stesse regole di puntata come per il flop e il turn, come spiegato sopra.

L'ultimo giocatore a puntare o rilanciare durante la fase finale di puntate mostra le sue carte per primo. Se, durante l'ultimo giro di puntate, nessun giocatore punta, il primo giocatore alla sinistra del dealer, che non ha passato, deve scoprire le sue carte per primo. Gli altri giocatori, in senso orario, devono rivelare le proprie carte al tavolo.

Se la mano del giocatore è più debole della mano attualmente vincente mostrata, egli ha la possibilità di mostrare o nascondere le proprie carte. In caso di mani identiche, il piatto viene equamente diviso tra i giocatori con le mani migliori. Tutti i semi sono di pari valore nell'Hold'em. Il bottone si muove in senso orario al giocatore successivo, i bui sono postati ancora una volta e nuove carte vengono distribuite ad ogni giocatore. Per impedire ai giocatori di entrare in gioco in una late position, quindi senza postare i bui, ogni giocatore dovrà inserire una quota iniziale, pari al big blind, o potrà sedersi ed attendere che il big blind raggiunga la sua posizione.

Se il giocatore attende il big blind resterà in OUT e non potrà partecipare al gioco fino a quando il big blind giunge alla sua posizione. Se il giocatore è in OUT e non posterà il Big Blind, farà automaticamente perdere il piccolo buio e il pulsante del dealer. Per partecipare immediatamente nella mano successiva, il giocatore è tenuto a postare un importo pari al grande buio più una puntata 'morta' pari al piccolo buio. Quando un giocatore punta tutte le sue chips, si dice in 'All-In'. In questo caso il piatto viene diviso in piatto principale main pot e piatto secondario side pot. Tutte le puntate successive sono incluse nel piatto secondario.

Se il giocatore che va in All-In non si aggiudica la mano, al vincitore saranno assegnate tutte le chips, sia del piatto principale che dei piatti secondari. Se il giocatore che va in All-In vince la mano, egli riceve il piatto principale, ma il piatto secondario viene assegnato al giocatore in possesso del secondo punteggio più alto della mano. Con gli stessi criteri potranno essere determinati più side pot , nel caso in cui vi fosse un numero superiore di giocatori in All-In, come spiegato nell'esempio qui sotto. Nel caso in cui un giocatore punta più chips rispetto alla dotazione di un altro giocatore, l'eccedenza gli sarà restituita prima della determinazione del pot.

Saldo giocatore 1: Se più giocatori vanno in All-In, vengono creati più piatti secondari. Se il giocatore che copre tutti gli All-In, ma non è in All-In, ha il punteggio più alto a fine mano, vincerà il piatto principale nonché tutti i piatti secondari. I giocatori possono vincere solo il piatto o i piatti a cui hanno contribuito. In caso di due mani equivalenti, cioè composte dallo stesso punteggio, la mano vincente viene decisa dal kicker più alto.

Il kicker è noto anche come una 'side card'. Ac Qp Giocatore2: Ap Jq Carte comunitarie: In questo caso il punteggio migliore sarà la coppia di re; il resto, A-Q-9, sono i kickers. In questo caso anche l'avversario ha una coppia di re e i kickers decideranno il vincitore. La mano con il kicker più alto vince. In questo caso giocatore2 ha K-K-A-J-9 ed il primo kicker è identico. Giocatore1 vince perché la Q è superiore al J. Secondo esempio: Ap 3p Giocatore2: Aq 4q Carte Comunitarie: Kp Kq 9c 5f 6c Giocatore1 e Giocatore2 hanno la mano composta dalle stesse 5 carte: K-K-A una coppia di re , e il piatto viene equamente diviso.

Se due giocatori hanno una mano identica, il piatto viene diviso. Ogni giocatore riceverà solo una parte del piatto. Esempio di split pot con mani identiche: Ac Af Giocatore2: In questo caso il piatto non è omogeneo e il centesimo in più andrà al giocatore più vicino alla sinistra del dealer. Il giocatore al piccolo buio divide il piatto con il giocatore sul bottone. Il buy-in è la quantità di denaro richiesta ad un singolo giocatore per poter giocare un evento. Tutti i giochi con soldi veri hanno un buy-in minimo richiesto prima di unirsi a un tavolo. L'importo minimo necessario e l'importo massimo consentito di chips vengono visualizzati nella finestra di messaggio quando si prende posto al tavolo.

I giocatori possono aggiungere fondi al proprio stack solo tra una mano e l'altra. Per i tornei che offrono rebuy e add-on, questi possono essere effettuate solo dopo che una mano è finita e prima che inizi la successiva. Inoltre, i giocatori possono aggiungere o riacquistare fiches durante la mano se non sono coinvolti attivamente nella stessa. Per conoscere le regole di base e le combinazioni di punti che è possibile realizzare nel Poker, cliccate qui per andare alla pagina Le basi e i Punti del Poker. Scopri anche. Opzioni delle puntate Le scelte possibili nel Texas Holdem sono: Nel 7 card stud è il giocatore con la carta scoperta più bassa a dover porre il bring-in. In questo tipo di gioco il primo giro di puntate viene avviato dal primo giocatore che desidera aprire e che in mano abbia almeno una coppia di jack o combinazione superiore.

Nel caso del poker tradizionale all'italiana è permessa l'apertura anche con un progetto bilaterale di scala reale quattro carte in sequenza dello stesso seme non comprendenti l'asso. Nel caso nessuno possa o voglia aprire il giro di puntate, le carte sono scartate, il mazzo rimescolato, c'è un nuovo giro di ante che si vanno ad aggiungere al piatto preesistente e si ripete la procedura di apertura. Sempre nel caso del poker tradizionale all'italiana, a seguito di un giro senza aperture la combinazione minima per poter aprire sale a due Q.

Se anche in questo colpo nessuno dei giocatori apre, la procedura si ripete, e da questo colpo in avanti l'apertura minima sale a due K, fino a che il piatto non venga assegnato: Una mano di poker è composta da più giri di scommesse. Ogni giocatore ha facoltà di parlare dopo che il giocatore che lo precede a destra ha dichiarato la sua azione. Il primo giocatore a parlare varia a seconda della specialità giocata, della sua variante e delle sue fasi, ed è:.

Il giro di puntate termina quando tutti i giocatori che non si sono ritirati hanno visto tutte le puntate con la stessa di denaro eguagliante per ciascuno, o se quelli rimasti non hanno abbastanza gettoni per coprire l'intero ammontare e puntato pertanto i resti all-in. Ovviamente se tutti i giocatori si sono ritirati tranne uno, vince la mano il giocatore che è rimasto. Se tutti passano, si va alla fase successiva gratuitamente. Buttare un sol gettone nel centro del tavolo senza annunciare il rilancio è trattato come una chiamata, in questo caso verrà dato il resto.

Se un giocatore che, non dichiarando la sua azione, non pone un quantitativo di gettoni sufficienti allora il mazziere-impiegato conta i gettoni e:. Quando un giocatore pone tutti i suoi gettoni nel piatto allora viene detto in all-in. Si procede dunque alla divisione del piatto in un piatto principale main pot ed in uno o più piatti laterali side pot. Il piatto principale è costituito dalle somme versate da ciascun giocatore che sono coperte dall'ammontare dell'all-in. Se uno o più giocatori hanno messo nel piatto una puntata che eccede il valore dell'all-in allora la quantità in eccesso va a costituire il piatto laterale, che viene conteso solo dai giocatori che hanno coperto la puntata in eccesso.

Se vi sono più giocatori in all-in, la cifra inferiore decide il piatto principale e le altre, in ordine crescente, i piatti laterali. Allo showdown vengono prima assegnati i piatti laterali, in ordine inverso a come sono stati stabiliti, ed infine il piatto principale. In caso, per via di uno o più all-in, non ci siano più scommesse da fare, poiché non hanno più gettoni essendo andati all-in, si procede allo showdown. Dopo che sono stati fatti tutte le fasi previste dalla specialità giocata, si procede, se non già fatto, allo showdown. Quindi il o i giocatori che hanno realizzato un punto che soddisfa certi requisiti, stabiliti in base alla specialità giocata, vince il piatto.

Per esempio nel Texas hold 'em vince il punto più alto. Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Portale Poker sportivo: Estratto da " https: Menu di navigazione Strumenti personali Accesso non effettuato discussioni contributi registrati entra.

La puntata minima a poker - Cruciverba Soluzioni

Al tavolo di poker siedono da 2 a 10 giocatori. Nei casinò e Se non vi sono altre puntate allora la puntata minima è pari all'entità del grande buio. No limit o. Soluzioni per la definizione PUNTATA*MINIMA*NEL*POKER - Cruciverba e parole crociate - Sinonimo. Tutte le soluzioni per "La Puntata Minima A Poker" per cruciverba e parole crociate. La parola più votata ha 3 lettere e inizia con C. Tags: La puntata minima a poker parole crociate, La puntata minima a poker cruciverba, La puntata minima a poker 3 lettere. Soluzioni per la definizione PUNTATA MINIMA A POKER per le Cruciverba e parole crociate. Sebbene il poker sia in realtà un insieme di specialità e varianti, esse sono tutte accomunate . rilanciare (raise): il giocatore fa una puntata maggiore delle precedenti. Il primo rilancio deve ammontare ad almeno due volte la puntata minima. Soluzioni per la definizione *La puntata minima al poker* per le parole crociate e altri giochi enigmistici. Le risposte per i cruciverba che iniziano con le lettere C.

Toplists